Pensare la ricostruzione tra le macerie della sovranità libica: quale spazio per il “dossier migratorio”?

A dieci anni dall’inizio della rivolta popolare che nel 2011 portò al rovesciamento del regime di Mu’ammar al-Qadhdhafi, le forze in campo nel conflitto libico sono riuscite a sfruttare il cessate il fuoco raggiunto ad ottobre del 2020 per lanciare un dialogo politico che, non senza difficoltà e contraddizioni, a marzo del 2021 ha portato alla nascita del Governo di Unità Nazionale.

Nel corso degli incontri tra i rappresentanti dei governi europei, regionali e internazionali e il nuovo governo libico è emerso che la priorità assoluta di questa fase della transizione libica è stata individuata nella ricostruzione. Questo contributo si propone di ricostruire i temi salienti di questo dibattito e di indagare il ruolo non univoco che è stato attribuito al “dossier migratorio” nella dialettica tra agenda nazionale libica e agende internazionali.

Menu