La sentenza N.D. e N.T. e il divieto di espulsioni collettive: una prova di equilibrismo tra flessibilità, restrizioni e più di una contraddizione

Anna Fazzini – Nella sentenza N.D. e N.T. c. Spagna, la Grande Camera della Corte EDU si pronuncia per la prima volta sui respingimenti sommari alle frontiere terrestri di Melilla. In essa la Corte conclude per una non violazione dell’art 4 del Protocollo n. 4 e dell’art. 13 CEDU, affermando che l’assenza di un esame individuale nell’espulsione “a caldo” dei ricorrenti non è da imputare allo Stato spagnolo, ma alla condotta colposa degli stessi, avendo essi tentato un ingresso irregolare, sfruttando la dinamica di gruppo, invece di ricorrere a canali di accesso legali effettivamente resi disponibili. Alla luce della complessa argomentazione della Corte, la tutela prevista dal divieto di espulsioni collettive risulta ridimensionata e non priva di contraddizioni. Nel commento si evidenziano alcuni aspetti discutibili del ragionamento della Corte con un focus sul rapporto tra l’art. 4 Prot. n. 4 e il principio di non- refoulement che da esso emerge.

Archivi

Categorie

Categoria: Osservatorio della giurisprudenza
Tags: ,

Articoli Correlati

Menu